Beatrice Catanzaro

Milano, 1975. Artista e ricercatrice italo-svedese, diplomata all’Accademia delle Belle Arti di Brera, con un progetto pilota di arte terapia. I suoi progetti, che generano situazioni orientate all’apprendimento condiviso e alla partecipazione del pubblico, con particolare interesse per le dinamiche sociali, politiche ed economiche, sono stati sviluppati in Europa, Medio Oriente e India. Ha insegnato practice-based research presso International Art Academy of Palestine ed è attualmente dottoranda a Oxford Brookes University.

Sito web

Roberto Fassone

fassone

Savigliano, CN, 1986. Artista concettuale e performer. Si specializza in graphic design al Politecnico di Torino. Attraverso la sua ricerca vuole portare allo scoperto la struttura nascosta del processo mentale che genera un’opera d’arte. A questo proposito ha sviluppato un software, Siri, capace di generare miliardi di istruzioni per creare un’opera d’arte concettuale e riflettere così sul processo che sta dietro alla genesi delle idee creative.

Sito web

Elena Mazzi

mazzi

Reggio Emilia, 1984. Laureata in Arti Visive presso lo IUAV di Venezia. La sua poetica indaga il rapporto tra l’uomo e l’ambiente in cui vive, il modo in cui l’essere umano decide di operare in esso, apportando un cambiamento. Seguendo prevalentemente un approccio antropologico, la sua analisi indaga l’identità sia personale sia collettiva, relativa a uno specifico territorio e che dà luogo a diverse forme di scambio e trasformazione. Ha vinto numerosi premi e i suoi lavori sono stati esposti in tutto il mondo.

Sito web

Eva Frapiccini

frapiccini01

Recanati, MC, 1978. Vive e lavora tra l’Inghilterra e l’Italia. I suoi lavori, accompagnati da un accurata ricerca sul campo, indagano la realtà e i suoi significati, muovendosi attraverso i differenti codici dell’immagine e del linguaggio fotografico, dei video e delle installazioni. Con l’opera Dream’s Capsule ha voluto creare un audio archivio dei sogni, raccolti grazie alla partecipazione del pubblico durante eventi pubblici in molti paesi del mondo. Le sue opere sono incluse in numerose collezioni, in Italia e all’estero. Ha vinto la prima edizione della borsa di studio del Ministero italiano “Italian Council”. E’ professore associato presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e presso l’Accademia di Belle Arti di Ravenna.

Sito web

Valerio Rocco Orlando

vro

Milano, 1978. Artista e regista italiano. Laureato in drammaturgia all’Università Cattolica di Milano, ha conseguito un master in regia alla Queen Mary University di Londra. Studia il tema delle relazioni umane, delle connessioni, dell’interdipendenza. Riflette sulle dinamiche di condivisione delle esperienze, sul senso di appartenenza, sull’importanza dell’interscambio con gli altri nel percorso di costruzione della propria identità e di quella della propria comunità. Le sue opere sono state esposte in tutto il mondo ed entrate a far parte di numerosi collezioni pubbliche e private, in Italia e all’estero. Tra le sue collaborazioni: il compositore Michael Nyman, il filosofo Jean-Luc Nancy, lo psicoanalista Luigi Zoja; gli artisti Gilbert & George.

Sito web

Marinella Senatore

senatore

Cava de’ Tirreni, SA, 1977. La sua pratica si basa sulla partecipazione del pubblico. L’idea fondante è quella di facilitare e stimolare il potenziale creativo della collettività, lavorando sui legami tra le persone appartenenti ad un gruppo. I suoi lavori sono esperienze condivisibili, dove ogni individuo è invitato a creare un’opera partecipata e recitare una parte unica e insostituibile. Data la formazione musicale e cinematografica, Marinella lavora prevalentemente con il video, la performance e la fotografia. Ha vinto numerosi premi internazionali e tenuto lectures e performance in tutto il mondo, tra cui il Museo Guggenheim a New York City.

Sito web

Massimiliano Viel

viel

Milano, 1964. Musicista, compositore e ricercatore, è professore universitario presso il Conservatore di Bolzano e insegna Sound Design alla Nuova Accademia di Belle Arti (NABA) di Milano. Il suo interesse di ricerca primario è l’interazione tra il suono e il cervello umano. Ha scritto più di 50 composizioni musicali, presentate in tutto il mondo. Dal 1999 lavora con la musica elettronica, producendo anche opere audio-video.

Sito web

Diego Marcon

marcon

Busto Arsizio, MI, 1985. Vive a Milano e ha esposto in molti Paesi europei. La sua ricerca si concentra sulla relazione tra realtà e rappresentazione, investigando l’ontologia dell’immagine in movimento e la sua possibilità di essere uno strumento di scoperta del reale attraverso il fantasmagorico. Sperimentando prevalentemente con il video, Diego reinterpreta la cinematografia e la letteratura per bambini come strumenti di indagine e narrazione della realtà contemporanea. Nel 2018, ha vinto il prestigioso MAXXI Bulgari Prize. Nei suoi wokshop ispirati a Esercizi di stile di Raymond Quenau vuole riflettere sul potere della comunicazione e su come i diversi media influenzino il messaggio trasmesso.

Sito web

The Cool Couple

tcc01

Milano, 2012. Collettivo di artisti formato da Niccolò Benetton (1986) e Simone Santilli (1987). La loro ricerca si concentra sugli “attriti” generati quotidianamente nella relazione tra persone e immagini. L’idea delle immagini come hub attivi si traduce nell’uso di diverse forme di espressione, che vanno dalla fotografia d’arte alle salviette elettrostatiche, dalle sale di meditazione alle cover-band cinesi. Hanno approfondito il tema della meditazione e sono interessati a utilizzare questa pratica come uno strumento per rimettere a fuoco una serie di fenomeni che solitamente cadono ai margini del nostro sguardo.

Sito web

Gli Impresari

impresari

Venezia, 2014. Collettivo (Edoardo Aruta, Marco Di Giuseppe, Rosario Sorbello) impegnato attualmente in un lavoro di ricerca sulle forme del teatro italiano, sulla scenotecnica e in particolare sul complesso mondo delle macchine teatrali, dispositivi grazie ai quali in passato era possibile ottenere rapidi cambi di scena, improvvise apparizioni o simulazioni di effetti naturali. A partire dal ruolo delle macchine teatrali intese come veri e propri congegni di meraviglia, il gruppo intende ragionare sulle implicazioni politiche ed estetiche che ruotano intorno all’utilizzo di questi antichi strumenti di propaganda, considerando il loro valore analogico come virtù essenziale per sviluppare una riflessione sul concetto di tecnica all’interno della società contemporanea.

Sito web

Corinne Mazzoli

mazzoli

La Spezia, 1984. Si diploma all’Accademia di Belle Arti di Firenze e consegue un Master in Arti Visive presso lo IUAV (2012). Mazzoli è un’artista a trecentosessanta gradi: performer, videomaker, sound artist. Crea installazioni, partendo dal concept e arrivando fino alla parte manuale. Nel 2013 inizia una serie chiamata Tutorials che si focalizza sul corpo nel contemporaneo; con il suo lavoro ‘Tutorial #1: How to get a Thigh Gap’ vince il Premio Stonefly. Inizia così a credere nella cooperazione tra arte e azienda e partecipa attivamente come coordinatore al progetto di ricerca Artificare (promosso da Università Ca’ Foscari e IUAV) che studia il ruolo della creatività per lo sviluppo di innovazione e competitività nelle aziende.

Sito web